CASA: reddito netto di 3.500 euro al mese per acquistare un trilocale a Roma, solo un bilocale a Milano

Acquistare casa

Acquistare casa a Milano e Roma, sogno (in)accessibile?
Se nella Capitale per permettersi un trilocale (superficie media di 90 mq) occorre guadagnare circa 3.300 euro netti al mese, a Milano con più o meno la stessa cifra (3.500 euro/mese), ci si può permettere invece solo un bilocale (superficie media di 60 mq).
Calcoli di accessibilità del mercato effettuati considerando un finanziamento pari all’80% del valore dell’immobile, con un tasso fisso al 3,93% e una durata del mutuo di 30 anni.

Nella metropoli lombarda per le agognate tre stanze il reddito netto mensile necessario supera i 5.500 euro, una chimera per la maggioranza dei potenziali acquirenti.

Continua la lettura

CASA: segnali di stabilità dei prezzi anche nel 3° trimestre 2022, ma domanda e valori previsti in diminuzione

BANCA-D'ITALIA-Sondaggio-congiunturale-abitazioni-Prezzi-e-tempi-3-trimestre-2022

Secondo l’indagine condotta congiuntamente dalla BANCA D’ITALIA, da Tecnoborsa e dall’Agenzia delle Entrate, presso 1.463 agenti immobiliari, dal 21 settembre al 21 ottobre 2022, nel III trimestre continuano a prevalere segnali di stabilità dei prezzi delle abitazioni.
Ma il saldo, tra giudizi di rialzo e di ribasso delle quotazioni, risulta in diminuzione rispetto alla precedente indagine.

I tempi di vendita si sono appena allungati, mantenendosi prossimi ai minimi storici, e lo sconto medio sul prezzo richiesto è lievemente aumentato.

Gli operatori segnalano un peggioramento delle condizioni della domanda ed i giudizi di riduzione dei potenziali acquirenti prevalgono sulle valutazioni di aumento.
I canoni di affitto, correnti e attesi, sono segnalati in rialzo.

Continua la lettura

BANCA D’ITALIA | L’economia della Regione Lazio: mercato immobiliare e mutui in crescita

BANCA-D'ITALIA-Economia-del-Lazio-2022

Sulla base dell’Indicatore trimestrale dell’economia regionale (ITER) della Banca d’Italia, nel primo semestre del 2022 l’attività economica del Lazio è cresciuta del 5,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (5,7% in Italia).
È stato così superato di circa un punto percentuale il livello precedente la pandemia.

I mutui alle famiglie hanno continuato ad aumentare a ritmi sostenuti, accompagnandosi al buon andamento delle compravendite immobiliari.
Il tasso fisso è cresciuto, superando il tasso variabile dopo un biennio di sostanziale parità, mentre la quota di nuovi mutui a tasso variabile è aumentata rispetto a quanto osservato lo scorso anno.

Continua la lettura

ISTAT: aumento congiunturale (+0,2%) e tendenziale (+7,7%) della produzione nelle costruzioni, a settembre 2022

ISTAT produzione nelle costruzioni da gennaio 2017 a settembre 2022

A settembre 2022, si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni aumenti dello 0,2% rispetto ad agosto.
Nella media del terzo trimestre 2022 la produzione nelle costruzioni diminuisce del 2,2%, nel confronto con il trimestre precedente.

Su base tendenziale, l’indice corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi di calendario sono stati 22 come a settembre 2021) cresce del 7,7%, mentre l’indice grezzo registra un aumento del 7,6%.

Continua la lettura

ABI: a ottobre 2022, tasso medio del 2,73% sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni (2,26% il mese precedente, 5,72% a fine 2007)

ABI tassi di mutuo a settembre 2022

Nell’ultimo Rapporto mensile dell’ABI (Associazione bancaria italiana), si rileva che a ottobre 2022 il tasso sui prestiti in euro alle famiglie per l’acquisto di abitazioni – che sintetizza l’andamento dei tassi fissi e variabili ed è influenzato anche dalla variazione della composizione fra le erogazioni in base alla tipologia di mutuo – è stato pari a 2,73% (2,26% nel mese precedente, 5,72% a fine 2007).

Sul totale delle nuove erogazioni di mutui, il 37,4% erano mutui a tasso fisso (40,7% il mese precedente).

Continua la lettura

BANCA DITALIA: la ricchezza delle famiglie e il mercato delle abitazioni

Investimenti-delle-famiglie-italiane-nello-immobiliare

Secondo il rapporto recentemente pubblicato sull’economia delle regioni italiane – Dinamiche recenti e aspetti strutturali – nel 2021 l’economia italiana ha recuperato buona parte dell’eccezionale contrazione dell’anno precedente.
Beneficiando del miglioramento del quadro sanitario e dell’allentamento delle restrizioni a seguito dei progressi nelle campagne vaccinali, con una ripresa leggermente più marcata al Centro Nord.

Nel 2020 la ricchezza reale rappresentava una quota consistente della ricchezza totale lorda delle famiglie, compresa tra il 49,4% nel Nord Ovest e il 62,0% nel Mezzogiorno.
Il valore corrente delle attività reali, prevalentemente costituite da abitazioni, era inferiore del 4,7% a quello del 2008.

Continua la lettura