Dati Statistici Notarili: incremento del numero di mutui nel 2021 (+23% sul 2020, +13% sul 2019) e delle donazioni

Dati Statistici Notarili sul 2021 - Mutui e donazioni

Nel precedente articolo è stato già precisato come il 2021 sia stato caratterizzato da un incremento senza precedenti del mercato immobiliare italiano, con un incremento delle compravendite di immobili del +34,64%, rispetto al 2020.

Esaminiamo ora gli specifici dati relativi ai Mutui ed alle donazioni:

Continua la lettura

BANCA D’ITALIA | Lazio: prezzi delle abitazioni cresciuti del 4,5%, peso attività reali delle famiglie superiore alla media nazionale ed erogazione mutui in forte aumento

Banca D’Italia | Economie regionali – L’economia del Lazio – Rapporto annuale 2022

Nel 2021, secondo l’indicatore trimestrale dell’economia regionale (ITER) della Banca d’Italia, l’attività economica del Lazio è cresciuta del 6,3%, poco meno del dato nazionale (6,6%).

Dopo il forte rimbalzo registrato nel secondo trimestre, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente che era stato caratterizzato dal lockdown, il recupero dell’attività è proseguito a ritmi più contenuti.
Nel complesso i livelli di attività rimangono ancora di 3 punti percentuali inferiori a quelli precedenti la pandemia.

Continua la lettura

BANCA D’ITALIA: la dinamica dell’inflazione e gli sviluppi del conflitto influenzano i progetti delle famiglie

BANCA D'ITALIA - Relazione annuale 2022

Nella Relazione annuale della Banca d’Italia sull’economia internazionale, europea e italiana, si rileva come in base alle indagini dell’Istat la fiducia – che era molto migliorata tra la primavera e l’estate del 2021 – sia diminuita lo scorso autunno con il nuovo peggioramento della situazione pandemica.
Ed è scesa in modo ancora più marcato dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Le risposte delle famiglie indicano un deterioramento delle attese sulla situazione economica, sia personale sia generale, e un forte aumento dell’incertezza.
Le intenzioni di acquisto di beni durevoli si sono drasticamente ridotte e la quota dei consumatori che ritengono opportuno risparmiare è rimasta elevata, segnalando un persistente atteggiamento di cautela.

Continua la lettura

Investimenti sul mercato immobiliare italiano raddoppiati rispetto allo scorso anno, nel primo trimestre 2022

Investimenti-delle-famiglie-italiane-nello-immobiliare

Torna la liquidità sul mercato immobiliare italiano, dopo un lungo periodo contrastato perché segnato dall’emergenza sanitaria.
In particolare, nei primi tre mesi del 2022 gli investimenti nel commercial real estate sono pari a 3,2 miliardi di euro, più del doppio rispetto a quanto registrato nello stesso periodo del 2021 (1,5 miliardi).

Su base storica è il primo trimestre migliore di sempre per questo segmento.
Il recupero, come segnala una nuova ricerca della CBRE – leader mondiale nella consulenza immobiliare – ha interessato nel Paese tutte le asset class, grazie anche alla progressiva uscita dalla pandemia e la conseguente diminuzione delle incertezze che hanno caratterizzato il biennio 2020-21.

Continua la lettura

EUROSTAT: prezzi delle abitazioni in crescita tendenziale del 9,4% in area Euro e del 10,0% nell’UE, nel IV trimestre 2021

EUROSTAT prezzi delle case nel quarto trimestre 2021

Nel quarto trimestre del 2021 i prezzi delle abitazioni sono aumentati del 9,4% nell’area dell’euro e del 10,0% nell’UE, rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente.

Si tratta dell’aumento annuale più elevato per l’area dell’euro dal 2005, quando è iniziata la riscossione dei prezzi delle abitazioni, e dal quarto trimestre del 2006 per l’UE.
Nel terzo trimestre del 2021, i prezzi delle case erano aumentati rispettivamente dell’8,8% e del 9,3% nell’area dell’euro e nell’UE.

Queste cifre provengono da Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea.

Continua la lettura

ISTAT: incremento degli investimenti delle famiglie in abitazioni, nel 2021

ISTAT Risparmio e potere acquisto Famiglie consumatrici del 2021

Gli investimenti in abitazioni da parte delle famiglie consumatrici, hanno mostrato un rilevante incremento nel 2021 (17,1 miliardi di euro, +28,9%), dopo un biennio di contrazione.
Anche grazie al sistema di incentivi alle ristrutturazioni.

Lo rileva Istat, aggiungendo che nel corso del 2021 l’espansione dell’attività produttiva e il ritorno delle retribuzioni ai livelli del 2019, hanno generato una crescita del reddito disponibile delle famiglie consumatrici del 3,8% (+42,5 miliardi di euro), dopo che nel 2020 si era avuta una contrazione del 2,7% (-30,6 miliardi).
Il potere d’acquisto, ossia il reddito disponibile espresso in termini reali, pur aumentando del 2,1% su base annua, non si però è riportato ai livelli pre-crisi.

Continua la lettura