LOCAZIONI: richieste in diminuzione ed aumento dell’offerta, nell’ultimo semestre

Non solo le grandi città a vocazione turistica sono state colpite dagli effetti del Coronavirus, ma tutto il Paese – a un anno dall’inizio della pandemia – ha visto cambiare il mercato immobiliare degli affitti.

A dimostrarlo i dati relativi all’ultimo semestre (settembre 2020 – febbraio 2021) registrati dall’Osservatorio di Immobiliare.it, secondo cui in Italia l’offerta di immobili in affitto è aumentata dell’1,8%, mentre la domanda è diminuita di quasi il 6%.

A variare meno sono solo i costi: per un trilocale in affitto si spendono in media 801 euro, con una variazione percentuale negli ultimi sei mesi pari all’1%.

Continua la lettura

BANCA D’ITALIA: aspetti positivi e negativi nel sondaggio congiunturale sul mercato delle abitazioni del quarto trimestre 2020

BANCA D'ITALIA-Sondaggio-congiunturale-mercato-abitazioni-quarto-trimestre-2020

Nell’indagine condotta presso 1.269 agenti immobiliari dal 13 gennaio al 10 febbraio 2021, la quota di agenzie che ha venduto almeno un immobile nel quarto trimestre 2020 è nuovamente salita, attestandosi quasi sui valori di un anno prima.
La maggior parte degli operatori riferisce una sostanziale stabilità dei prezzi rispetto alla precedente rilevazione, mentre un terzo del campione segnala quotazioni in diminuzione.

I giudizi sulle condizioni della domanda e sull’andamento dei nuovi incarichi a vendere sono peggiorati. I tempi di vendita sono rimasti stabili, ma a fronte di un lieve incremento dello sconto medio sul prezzo richiesto dal venditore.

Si conferma l’indicazione secondo cui, dopo lo scoppio della pandemia, sarebbe aumentata la dimensione media delle abitazioni oggetto di compravendita.

Continua la lettura

ASTE IMMOBILIARI: forte crescita del numero di case in vendita, nell’ultimo semestre 2020

Aste giudiziarie immobiliari

Negli ultimi 6 mesi del 2020, sono cresciute le vendite di case all’asta di ben il 63,5%.
Così emerge dal Rapporto semestrale sulle aste immobiliari redatto dal Centro Studi Sogeea, secondo cui le procedure rilevate a fine 2020 sono infatti 15.146, a fronte delle 9.262 rilevate nel precedente mese di luglio.

Questi dati contribuiscono a fornire un termometro della crisi pandemica che ha investito l’Italia ed il mondo intero.
Se c’è un settore che la pandemia ha fatto proliferare è quello delle aste immobiliari, che non coinvolge solo le abitazioni, ma anche strutture turistiche e perfino gli ospedali.

Continua la lettura

Catasto 2.0: debutta da febbraio il Sistema Integrato del Territorio

sistema-integrato-del-territorio

Con il provvedimento del 26 gennaio 2021, viene implementata da febbraio l’attivazione progressiva del Sistema Integrato del Territorio (SIT), la nuova piattaforma digitale dell’Agenzia delle Entrate nella quale saranno conservati gli atti e gli elaborati catastali.

Si tratta di un’evoluzione dell’attuale sistema cartografico catastale, una sorta di nuovo catalogo nazionale degli immobili in grado di incrociare diverse informazioni georeferenziate rendendole interoperabili e sovrapponibili.

Continua la lettura

L’investimento immobiliare, nell’indagine sul risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani nel 2020

Percezione-investimento-immobiliare-serie-storica-e-dati-dal-2004-al-2020

All’interno dell’edizione 2020 dell’Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani scaturita dalla collaborazione tra Intesa Sanpaolo e il Centro Einaudi, si prende in esame anche il patrimonio immobiliare delle famiglie.

L’Indagine del 2019 aveva messo in luce alcune tendenze.
Era ritornata la voglia di case, che è quasi sempre un buon sintomo: infatti, da un lato l’industria delle costruzioni è uno dei comparti a più alta attivazione intersettoriale interna, e dunque con maggiore effetto moltiplicatore in termini di fatturato e di prodotto per euro investito.

Dall’altro, il riemergere della voglia di case era segno di una ritrovata progettualità per il futuro.

Continua la lettura

BANCA D’ITALIA: poche luci, molte ombre nel sondaggio congiunturale sul mercato delle abitazioni relativo al terzo trimestre 2020

BANCA D'ITALIA Sondaggio congiunturale sul mercato dele abitazioni

Il Sondaggio congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia è stato avviato nel gennaio 2009 da Banca d’Italia e Tecnoborsa e prosegue, a partire dall’edizione di ottobre 2010, anche con la cooperazione dell’Osservatorio del Mercato Immobiliare (OMI) dell’Agenzia delle Entrate.

L’obiettivo del sondaggio è quello di ottenere le valutazioni degli agenti immobiliari sull’andamento del mercato immobiliare, sia per quanto attiene le compravendite di immobili residenziali che per quanto riguarda il mercato degli affitti.

Nell’indagine condotta dal 4 novembre al 9 dicembre 2020, presso 1.490 agenti immobiliari, la quota di agenzie che hanno venduto almeno un immobile nel terzo trimestre è risalita su valori in linea con quelli precedenti lo scoppio dell’epidemia di Covid-19.
Il saldo percentuale negativo, fra la quota di coloro che riportano una flessione ed un incremento dei prezzi, è rimasto stabile rispetto alla precedente rilevazione.

Continua la lettura