MUTUI: forte aumento dei tassi di interesse per i mutui a tasso fisso, con un ritorno ai livelli di 2/3 anni fa

CRIF andamento mutui aprile 2022

La forte evoluzione dei tassi durante il primo trimestre 2022, impatta in maniera sempre più chiara e incisiva l’offerta mutui dedicata a privati e famiglie, sia riguardo i tassi di interesse, sia riguardo la tipologia di prodotti inseriti nel portafoglio offerte di ciascun istituto bancario.

Gli indici di riferimento IRS – cui sono agganciati i tassi di interesse per i mutui a tasso fisso che oggi riguardano oltre il 90% delle erogazioni dei nuovi mutui – sono letteralmente schizzati nel corso del primo trimestre 2022, raggiungendo livelli prossimi a quelli di 36-48 mesi fa.

Considerando ad esempio l’IRS di durata 20 anni, il valore dell’indice è passato da uno 0,6% medio di gennaio 2022 a un 1,6% attuale.
Le dichiarazioni della BCE, pur in assenza di rialzi al tasso ufficiale, hanno confermato un progressivo rallentamento della politica monetaria espansiva finora attuata, con impatti sulle aspettative di crescita dei tassi di interesse sul lungo periodo generando di conseguenza un rapido aumento.

Continua la lettura

MUTUI: continua la frenata delle surroghe ad aprile, con gli under 35 che sostengono le nuove richieste

Mutui andamento richieste aprile 2022

Anche in aprile perdura la contrazione delle richieste di mutui da parte delle famiglie italiane (-24,3%, rispetto al corrispondente mese del 2021), fondamentalmente a causa del costante ridimensionamento delle surroghe.
Tiene invece l’importo medio richiesto (+5,8%, rispetto alla corrispondente rilevazione), che si è attestato a 146.467 euro.

La maggioranza delle richieste è ascrivibile alla vivacità dei giovani al di sotto dei 35 anni d’età, che arrivano a spiegare il 34,9% del totale della domanda.

Continua la lettura

MUTUI: a marzo si conferma il trend negativo delle richieste, a causa del ridimensionamento delle surroghe

EURISC – andamento richieste di mutui a marzo 2022

L’andamento delle richieste di credito da parte delle famiglie nel mese di marzo vede un nuovo tonfo dei mutui, che fanno segnare un -25,8% a causa del costante ridimensionamento delle surroghe (il cui peso arriva a spiegare il 14% del totale).

Il primo trimestre dell’anno vede le richieste di mutui immobiliari segnanare un -25,5%, mentre tiene la domanda di nuovi mutui grazie agli under 35, che arrivano a pesare per il 34,5% sul totale.
L’incidenza delle surroghe cala ancora e si attesta al 14%.

In crescita l’importo medio dei mutui richiesti.

Continua la lettura

CRIF: cresce al 44,5% la platea dei cittadini italiani maggiorenni che hanno un mutuo o un prestito in corso

Mutui e finanziamenti

Nonostante la tradizionale cautela degli italiani nel ricorrere al credito bancario per finanziare i propri consumi o l’acquisto della casa, nel 2021 è cresciuta ulteriormente (+5,4%, sul 2020) la platea dei cittadini maggiorenni che risultano avere un mutuo o un prestito in corso, arrivata al 44,5% del totale.

Un trend iniziato nel 2016 e consolidatosi negli ultimi due anni di pandemia, caratterizzati da condizioni di accesso al credito particolarmente favorevoli anche per i finanziamenti di modesto importo.

Al contempo, però, è migliorata la sostenibilità finanziaria delle famiglie italiane, con il rischio di credito che nell’ultima rilevazione del 2021 ha visto il tasso di default 90 past due registrare una riduzione per attestarsi all’1,2%, il livello più basso degli ultimi anni.
A questo risultato hanno contribuito, oltre alle moratorie e agli strumenti di sostegno attivati per contenere gli impatti della pandemia, anche l’atteggiamento responsabile delle famiglie e i tassi di interesse confermati dalla BCE ai minimi storici.

Continua la lettura

MUTUI: accentuata diminuzione del numero di richieste (-22,5%), a febbraio 2022

CRIF: andamento-mutui-casa

Il mese di febbraio registra nuovamente una contrazione del numero di richieste di mutui immobiliari, che fanno segnare un eloquente -22,5% rispetto al corrispondente mese del 2021, malgrado un timido recupero su gennaio (+5,7).

Entrando maggiormente nel dettaglio – il Barometro CRIF sull’andamento delle richieste di credito da parte delle famiglie – mostra una continuità nella crescita dell’importo medio dei mutui richiesti, che nell’ultimo mese di rilevazione si è attestato a 145.414 Euro (+6,3% rispetto al febbraio 2021).

Anche in virtù della costante contrazione delle surroghe, che per natura presentano un valore più contenuto.

Continua la lettura

CRIF: in calo le richieste di mutui (-28,2%), ma l’importo medio è da record (143.030 euro)

CRIF andamento richieste mutuo 2013 2022

Il nuovo anno si è aperto con una nuova contrazione del numero di richieste di mutui immobiliari, che hanno fatto segnare un eloquente -28,2% dovuto soprattutto al ridimensionamento delle surroghe.

Dopo il calo fatto segnare nella seconda parte del 2021, anche il mese di gennaio resta quindi in territorio negativo, con una rilevante diminuzione.
In compenso a gennaio risulta in ulteriore crescita (+5,4%) l’importo medio dei mutui richiesti, che si è attestato a 143.030 Euro facendo segnare il record assoluto degli ultimi 10 anni.

Continua la lettura