MUTUI: 19,5% erogato nelle principali città, dove si concentra circa il 16% del totale degli NPL

Grafico CRIF CRIBIS relativo all'andamento degli NPL nelle grandi città italiane

CRIBIS Credit Management, società del Gruppo CRIF, sulla base del patrimonio informativo del sistema di informazioni creditizie EURISC, ha approfondito il tema della correlazione tra mercato immobiliare, mutui residenziali e rischio di credito, sviluppando un’analisi che si focalizza poi sull’andamento dei crediti non-performing.

Analizzando l’incidenza dei mutui performing e non-performing sul territorio nazionale, si osserva che circa il 19,5% dei mutui viene erogato nelle principali città metropolitane d’Italia e, in queste, si concentra circa il 16% dei mutui non-performing (NPL) totali.

Continua la lettura

MUTUI: accelerazione delle surroghe, 97% delle preferenze per il tasso fisso e prezzo degli immobili oggetto di garanzia in continua crescita (+2,6% tendenziale), nel Q4 2023

immagine rappresentativa per l'articolo sui MUTUI nel quarto trimestre 2023 con accelerazione delle surroghe, 97% delle preferenze per il tasso fisso e prezzo degli immobili oggetto di garanzia in continua crescita (+2,6% tendenziale)

La decisa contrazione degli indici IRS registrata nell’ultimo trimestre del 2023 (0,80%, per l’IRS a 20 anni) e l’introduzione di nuove offerte dedicate da parte di alcuni principali istituti bancari, riportano grande interesse sulla possibilità di riduzione della propria rata del mutuo da parte di privati e famiglie.
Rilanciando la domanda di mutui di surroga, da sempre importante driver di crescita del mercato dei mutui residenziali.

È quanto emerge dalla “Bussola Mutui” aggiornata al IV trimestre 2023, il bollettino trimestrale firmato CRIF e MutuiSupermarket.it, che offre una panoramica aggiornata e completa delle tendenze in atto nel mercato italiano dei mutui residenziali.

Continua la lettura

MUTUI: flessione delle nuove erogazioni (-24% a settembre) e della domanda (-17,2%) nel 2023, ma è record sull’importo medio richiesto

Grafico dell'Andamento del numero di richieste di nuovi mutui e surroghe nel 2023, rilevato da CRIF

Come comunicato da CRIF (azienda globale specializzata in sistemi di informazioni creditizie), attraverso il Sistema di Informazioni Creditizie EURISC, la domanda di mutui da parte delle famiglie italiane ha mantenuto un trend negativo per tutti i 12 mesi del 2023, con un dato complessivo annuale che registra un -17,2%.

L’importo medio annuale richiesto certifica un picco degli ultimi 10 anni, pari a 144.659 euro, con oltre 8 richieste su 10 che prevedono dei piani di rimborso superiori ai 15 anni.

Continua la lettura

Mutui: prosegue la flessione dei valori erogati (-9,8%), mentre riprendono con decisione le surroghe (+56,8%)

Immagine che rappresenta l'analisi sull'andamento dei Mutui nei primi 9 mesi del 2023, che vede proseguire la flessione dei valori erogati (-9,8%) e la decisa ripresa delle surroghe (+56,8%)

Il valore dei mutui immobiliari erogati alle famiglie consumatrici – nei primi 9 mesi dell’anno – è stato in decisa contrazione (-9,8%).
Infatti, le difficoltà dei mutui con finalità di acquisto – che vengono penalizzati dall’aumento dei tassi di riferimento e dal permanere di un elevato livello dei prezzi medi delle abitazioni – non sono compensate dalla forte ripartenza delle surroghe.

Questa, una delle principali evidenze emerse nella “55^ edizione dell’Osservatorio sul Credito al Dettaglio”, realizzato da Assofin, CRIF e Prometeia.

Continua la lettura

CRIF: forte diminuzione delle nuove erogazioni di mutuo per l’acquisto della casa (-33,3%) e dei richiedenti (-20%), nel secondo trimestre del 2023

immagine che rappresenta la rilevazione delle nuove erogazioni di mutuo per l’acquisto della casa (-33,3%) e dei richiedenti (-20%), nel secondo trimestre 2023

La contrazione del numero di compravendite immobiliari (-16%, nel secondo trimestre 2023), abbinata ad un minor ricorso al mutuo per l’acquisto della propria casa da parte di privati e famiglie (-20%, nel secondo trimestre 2023, ovvero il 40,1% contro il 50,2% nel II trimestre 2022), frenano in maniera decisa le erogazioni di nuovi mutui: -33,3% nel secondo trimestre 2023 e -29,9% nel primo semestre dell’anno.

Continua, quindi, a crescere il numero di privati e famiglie che – a causa dell’elevato costo degli interessi per nuovi mutui residenziali – sceglie di ricorrere all’utilizzo dei propri risparmi, senza sottoscrivere un nuovo mutuo, per realizzare l’acquisto della propria casa.

Continua la lettura

Mutui: diminuisce del 19,4% la richiesta, nei primi nove mesi del 2023, con rata media di circa 144.000 euro

Grafico dell'andamento dei Mutui nei primi nove mesi del 2023

Nei primi nove mesi dell’anno – secondo il report del Sistema di Informazioni Creditizie EURISC – si mantiene un trend negativo (-19,4%) nella domanda di mutui da parte delle famiglie italiane.
Tuttavia, a partire dal mese di settembre, si registrano timidi segnali di ripresa che hanno portato, da una discesa a doppia cifra, fino ad un -9,2% rispetto al periodo precedente.

Per analizzare il dato nella sua completezza, si può osservare come a giugno il fenomeno delle surroghe segnava un -17,3%, mentre i nuovi mutui erogati si erano contratti del -24,9%.

Continua la lettura