ISTAT: forte incremento dei permessi di costruire (+28,3% congiunturale) per il settore non residenziale, nel 4° trimestre 2023

Nel quarto trimestre 2023, sulla base delle autorizzazioni riguardanti il comparto residenziale, si stima una lieve crescita congiunturale sia del numero di abitazioni (+0,1%) sia della superficie utile abitabile (+0,6%), al netto dei fattori stagionali.

L’edilizia non residenziale registra, invece, un significativo incremento (+28,3%) rispetto al terzo trimestre 2023.

Continua la lettura

ISTAT: rilevante aumento congiunturale (+3,7%) e tendenziale (+14,8%) della produzione nelle costruzioni a gennaio 2024

Grafico ISTAT della produzione nelle costruzioni, dal gennaio 2020 al gennaio 2024

A gennaio 2024 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni cresca del +3,7% rispetto a dicembre 2023.
Nella media del trimestre “novembre 2023 – gennaio 2024”, la produzione nelle costruzioni aumenta del +4,9% nel confronto con il trimestre precedente.

Su base tendenziale, l’indice grezzo registra un incremento del +18,8%, mentre l’indice corretto per gli effetti di calendario cresce del +14,8% (i giorni lavorativi di calendario sono stati 22, contro i 21 di gennaio 2023).

Continua la lettura

ROMA: aumento tendenziale dei prezzi delle abitazioni nel IV trimestre 2023 (+1,3%), che registrano una flessione del -22,4% dal 2010

Immagine della città di Roma, per l'esame dell'andamento dei prezzi delle abitazioni nuove e esistenti a Roma nel quarto trimestre 2023

All’interno delle statistiche elaborate dall’ISTAT relative alle stime preliminari del quarto trimestre 2023 dell’indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie, per fini abitativi o per investimento, si evidenziano alcuni dati relativi al Comune di Roma.

Nel quadrimestre in esame, a Roma si rileva un’inversione di tendenza della dinamica su base tendenziale dell’IPAB (da -0,4% a +1,3%), dovuta unicamente ai prezzi delle abitazioni esistenti che crescono accelerando rispetto al trimestre precedente (da +0,3% a +1,5%).
Mentre la dinamica dei prezzi delle abitazioni nuove attenua la sua discesa (da -5,1% a -0,5%).

Continua la lettura

ISTAT: aumento tendenziale (+1,8%) dei prezzi delle abitazioni (soprattutto nuove) e diminuzione del numero di compravendite (-3,3%), nel quarto trimestre 2023

Grafico dell'andamento dei prezzi delle abitazioni nuove e esistenti, dal 2010 al quarto trimestre 2023

Secondo le stime preliminari, nel quarto trimestre 2023 l’indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie (per fini abitativi o per investimento), rimane invariato rispetto al trimestre precedente e aumenta del +1,8% nei confronti dello stesso periodo del 2022 (era +1,7%, nel terzo trimestre 2023).

La crescita tendenziale dell’IPAB si deve soprattutto ai prezzi delle abitazioni nuove, che aumentano del +8,9% (in accelerazione, rispetto al +7,9% del trimestre precedente) e in misura più contenuta a quelli delle abitazioni esistenti, che registrano solo un lieve aumento (+0,3%).

Continua la lettura

ISTAT: aumento congiunturale (+4,4%) e tendenziale (+2,6%) della produzione nelle costruzioni a dicembre 2023

Grafico ISTAT dell'andamento della produzione nelle costruzioni, dal gennaio 2018 a dicembre 2023

A dicembre 2023 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni cresca del +4,4%, rispetto a novembre.
Nella media del quarto trimestre del 2023, la produzione nelle costruzioni aumenta del +5,7% nel confronto con il terzo trimestre.

Su base tendenziale, invece, l’indice grezzo registra un incremento del +2,6% a dicembre, mentre l’indice corretto per gli effetti di calendario cresce del +9,9% (i giorni lavorativi di calendario sono stati 18, contro i 20 di dicembre 2022).

Continua la lettura

ISTAT: flessione congiunturale (-4,1%) e tendenziale (-16,0%del numero di compravendite e mutui (-35,3%), nel II trimestre 2023

Grafico dell'andamento del numero di compravendite rilevata dall'Istat, nel secondo trimestre 2023

Nel II trimestre 2023, sono 235.725 le convenzioni notarili di compravendita e le altre convenzioni relative ad atti traslativi a titolo oneroso per unità immobiliari.
La variazione percentuale, rilevata dall’ISTAT e calcolata sul dato destagionalizzato, è del -4,1% rispetto al trimestre precedente, mentre quella su base annua calcolata sul dato non destagionalizzato è del -16,0%.

Il 94,0% delle convenzioni stipulate riguarda i trasferimenti di proprietà di immobili a uso abitativo (221.514), il 5,7% quelli a uso economico (13.373) e lo 0,4% le convenzioni a uso speciale e multiproprietà (838).

Continua la lettura