ISTAT: forte diminuzione del numero di compravendite e dei mutui nel I e II trimestre 2020, causa Covid-19

	ISTAT compravendite e mutui I trimestre 2008 e II trimestre 2020

Nel I e II trimestre 2020, si osserva una rilevante flessione delle convenzioni notarili di compravendita e delle altre convenzioni relative ad atti traslativi a titolo oneroso per unità immobiliari.
La rilevazione si è svolta presso i circa 5.000 notai in esercizio nel territorio nazionale.

Il totale delle compravendite ammonta a 157.126 nel I trimestre 2020 (-17,9% rispetto al IV trimestre 2019 e -17,7% su base annua) e a 149.764 nel II trimestre (-17,3% rispetto al trimestre precedente e -30,8% su base annua).

Continua la lettura

Mercato immobiliare “Corporate” in Italia

Investimenti-corporate-in-Italia-previsioni-in-miliardi-di-euro

L’emergenza sanitaria ha rappresentato un forte ostacolo per gli investimenti corporate, che hanno registrato una significativa contrazione a livello europeo.
La flessione ha coinvolto quasi tutti i Paesi e pressoché tutte le asset class, riportando i livelli di investimento vicini agli anni 2014-2016.

La flessione ha riguardato tutti i contesti territoriali, seppure con qualche differenza a livello locale.
Questo segmento di mercato in Italia è stato particolarmente penalizzato, poiché caratterizzato da una forte presenza di investitori esteri venuta meno nei periodi di lockdown e solo in parte compensata dalla componente domestica.

Continua la lettura

L’identikit della casa dei sogni, causa covid-19

 Ricerca casa post-covid
“Ne usciremo cambiati”,
è la frase che più spesso si è sentita pronunciare da un anno a questa parte.
E mentre si aspetta di capire come il mondo post Covid risulterà diverso, si può già tracciare una linea di demarcazione per quelle abitudini e quegli stili di vita con i quali gli italiani hanno dovuto fare i conti.

Il portale Immobiliare.it, ha analizzato oltre 10 milioni di ricerche salvate a gennaio 2020 e gennaio 2021 per capire come la casa dei sogni abbia cambiato forma, adattandosi alle nuove necessità emerse nell’anno più complesso della storia contemporanea.
Si scopre così che, se da una parte si cercano case più grandi rispetto all’anno scorso, indipendenti e con spazi esterni privati, dall’altra la spesa massima che si imposta nelle ricerche è aumentata di appena l’1,3%, ammontando mediamente a 216.500 euro.

Continua la lettura

Mercato immobiliare: aspettative, previsioni e speranze, covid-19 permettendo

Le principali società immobiliari e di analisi del mercato parlano di una ripresa del mercato immobiliare nella seconda metà di questo anno, con 1,6 milioni di potenziali acquirenti per i prossimi 24 mesi.
Gli italiani hanno risparmiato nell’ultimo anno 126 miliardi in più rispetto al 2019.

È stato un anno turbolento quello che si è appena chiuso per il mercato degli immobili, con la pandemia che avrebbe potuto vanificare anni di piccoli passi in avanti di un comparto troppo a lungo sofferente, che solo negli ultimi tempi iniziava a rialzare la testa.

Continua la lettura

Case di lusso: Milano meglio di Roma

Savills-World-Cities-Prime-Residential-Index-2021

Anche a fronte della crisi sanitaria, che ha colpito profondamente numerosi settori, il mercato delle case di lusso è in crescita.
Lo certifica il “Savills World Cities Prime Residential Index”, sulla base di dati raccolti in 30 città del mondo, tra le quali anche Roma e Milano.

Nel 2021 si prevede che i valori di questi immobili aumentino in media dell’1,6%.
E in alcune aree questo trend è già emerso a partire dalla seconda metà del 2020, quando si è notato un incremento dello 0,8%.

Continua la lettura

CASA: le abitudini, i bisogni e i desideri più frequenti nella ricerca

statistica-case-cercate-2020

Il portale immobiliare Casa.it ha pubblicato la classifica delle case più cercate del 2020, svelando i luoghi, le tipologie, le metrature, i prezzi che raccontano le abitudini, i bisogni e i desideri delle persone per quanto riguarda la ricerca della casa.

Nel 2020 la ricerca delle case è cresciuta molto, con un aumento del +34% delle visualizzazioni degli immobili rispetto all’anno precedente ed una crescita doppia rispetto a quella del 2019 vs. 2018, che era stata del +17%.

“La pandemia non ha fermato la ricerca della casa, anzi abbiamo rilevato una crescita generale forte delle visualizzazioni degli immobili – spiega Daniela Mora, Head of Consumer & Brand Marketing di Casa.it – in particolare delle case in vendita che sono salite del +43% rispetto al 2019.
Anche la ricerca di case in affitto è aumentata registrando un +8% anno su anno.
Ciò è indice del fatto che la pandemia ha aumentato la propensione delle persone a cambiare casa per soddisfare nuove esigenze e desideri”.

Continua la lettura