ISTAT: forte (e prevedibile) diminuzione del numero di permessi di costruire e delle superfici, nel secondo trimestre del 2020

ISTAT SUPERFICIE UTILE ABITABILE E NON RESIDENZIALE NUMERO DI ABITAZIONI secondo trimestre 2020

Nel secondo trimestre 2020, nel comparto residenziale, si stima un’accentuata diminuzione congiunturale del –25,6% per il numero di abitazioni e del -18,4% per la superficie utile.
Anche la superficie dei fabbricati non residenziali è in netta diminuzione rispetto al trimestre precedente (-15,5%).

Nello stesso trimestre, la stima del numero di abitazioni dei nuovi fabbricati residenziali, al netto della stagionalità, scende al di sotto della soglia delle 10.000 unità, la superficie utile abitabile si attesta intorno ai 912.000 metri quadrati, mentre quella non residenziale scende a circa 1,9 milioni di metri quadrati.

Continua la lettura

CBRE: ritorno alla normalità degli investimenti nel settore immobiliare europeo nel 2° semestre 2022

2021 EMEA REAL ESTATE

Si intravede una ripresa del mercato immobiliare nel corso dei prossimi mesi, dopo questo duro periodo di emergenza sanitaria e, secondo il parere degli esperti, le quotazioni degli investimenti immobiliari torneranno ai livelli pre- Covid entro il 2022.

La storia registrerà il 2020 come un anno di cambiamenti convulsi.
I governi e le popolazioni di tutto il mondo hanno lottato per controllare la diffusione di COVID-19, cercando anche di gestire gli effetti a catena di un’ampia gamma di misure di controllo delle pandemie. Quasi nessun settore di attività economica o sociale è rimasto inalterato.

Continua la lettura

Rapporto 2020: “I fondi immobiliari in Italia e all’estero”

Scenari Immobiliari: Rapporto 2020 I-fondi-immobiliari-in-Italia-e-all'estero

Le gestioni professionali degli immobili attraverso fondi e Reits stanno superando senza cali il 2020.
Nonostante la pandemia e la crisi in tanti Paesi, il patrimonio globale di fondi immobiliari e Reits tocca i 3.200 miliardi di euro.

In Europa questo patrimonio è arrivato a quasi 1.300 miliardi di euro, con un +6,5% sul 2019.
In Italia i fondi attivi sono 518, per un patrimonio immobiliare di quasi 95 miliardi di euro, che significa un incremento del 3,8% rispetto all’anno scorso.

Continua la lettura

ISTAT: le prospettive per l’economia italiana nel 2020 e 2021

ISTAT PROSPETTIVE PER L’ECONOMIA ITALIANA NEL 2020-2021

Analogamente ai principali partner europei, per l’Italia si prevede una marcata contrazione del Pil nel 2020 (-8,9%) ed una ripresa parziale nel 2021 (+4,0%).
É questa la stima dell’Istat, contenuta nel “Rapporto sulle prospettive per l’economia italiana nel 2020-2021” pubblicato oggi.

Nell’anno corrente la caduta del Pil sarà determinata prevalentemente dalla domanda interna, al netto delle scorte (-7,5 punti percentuali).

Nel 2021, il contributo della domanda interna tornerebbe positivo (+3,8 p.p.), cosi come quello della domanda estera netta (+0,3 p.p.), mentre le scorte fornirebbero un marginale contributo negativo (-0,1 p.p.).

Continua la lettura

Mercato immobiliare corporate in Italia

Investimenti-corporate-Roma-Milano

Nel corso del 1° semestre 2020, gli investimenti immobiliari corporate in Italia hanno raggiunto circa 3,4 miliardi di euro (stime Nomisma), evidenziando una contrazione del 34,2% a/a.
Trend dovuto alla minore operatività causata dal lockdown, agli andamenti negativi dell’economia nazionale e alle aspettative recessive per la seconda parte del 2020.

La minore contrazione degli investimenti in Europa (ancorché si tratti di stime preliminari) ha determinato una riduzione della quota destinata al mercato italiano in ambito europeo, che è scesa al 2,3% rispetto al 3,8% del 2019.

Milano continua ad essere il mercato di riferimento con circa la metà degli investimenti corporate realizzati nei primi sei mesi dell’anno per un ammontare di circa 1,7 mld di euro.
Roma invece ha realizzato la peggiore performance degli ultimi anni arrivando a rappresentare l’11% degli investimenti nel semestre, per un controvalore di poco inferiore a 400 milioni di euro, in larga parte investiti in spazi direzionali.

Continua la lettura

Cerchi una casa all’estero? Ecco dove conviene comprare..

Acquistare casa all'estero

Torna l’interesse per il mercato immobiliare residenziale estero, dopo una fase di incertezza dovuta al Covid-19. Quali sono le mete migliori? Dove conviene comprare casa? Ecco come orientarsi per concludere una compravendita di successo.

Se è vero che in generale l’emergenza sanitaria non ha risparmiato il mattone di nessun Paese, è altrettanto vero che ci sono delle zone dove nei prossimi due o tre anni può convenire molto investire.
Sia che si desideri finalizzare l’acquisto di un immobile per metterlo a reddito, sia che si stia cercando un’occasione per aggiudicarsi una seconda casa dove trascorrere le proprie vacanze.

Continua la lettura