EUROSTAT: i prezzi delle case nell’UE sono aumentati del 28,6% dal 2010, i canoni di locazione del 14,9%

Prezzi-case-e-locazioni-Q42020

Tra il 2010 ed il secondo trimestre del 2011, i prezzi delle abitazioni e gli affitti nell’UE hanno seguito percorsi simili.
Dal secondo trimestre del 2011 hanno seguito strade molto diverse: mentre gli affitti sono aumentati costantemente per tutto il periodo fino al quarto trimestre del 2020, i prezzi delle case hanno oscillato in modo significativo.

Dopo un forte calo tra il secondo trimestre del 2011 ed il primo trimestre del 2013, i prezzi delle case sono rimasti più o meno stabili tra il 2013 e il 2014.
Poi, c’è stato un rapido aumento all’inizio del 2015, da quando i prezzi delle case sono aumentati ad un ritmo molto più rapido degli affitti.

Continua la lettura

ROMA: cosa è cambiato nella ricerca delle case, rispetto al pre-pandemia

Case-piu-cercate-a-Roma

L’analisi mette a confronto le visualizzazioni degli immobili nel primo bimestre del 2021 – sul portale immobiliare “Casa.it” – confrontandole con quelle dello stesso periodo del 2020, per indagare come sia cambiata la domanda di case a Roma in quest’ultimo e particolare anno.

ECCO I PRINCIPALI RISULTATI:
Le zone più cercate di Roma sono il Centro storico al primo posto e “Talenti-Monte Sacro-Conca d’Oro” al secondo posto, che rimangono stabili ai vertici della classifica, e rafforzano la loro posizione crescendo rispettivamente del +39% e del +20%.
Alla terza posizione troviamo “Prati-Borgo-Mazzini-Delle Vittorie“, che sale di due posizioni rispetto allo scorso anno, con un aumento delle ricerche del +14%.

Continua la lettura

MUTUI: tasso fisso in lieve rialzo, variabile al minimo storico

Nonostante le intenzioni della Bce di non aumentare i tassi, in futuro bisognerà attendersi nuovi rialzi.
Non tanto dell’Euribor, che è agganciato all’andamento del tasso sui depositi, quanto dell’Irs, che invece si muove liberamente sul mercato in base alle aspettative di inflazione.

L’anno appena passato del mercato dei mutui rimarrà alla storia per averci regalato i tassi di interesse più bassi di sempre.
Le iniezioni di liquidità decise dalla Bce per sostenere l’economia, hanno ridotto ai minimi termini tassi e spread, segnando un periodo fortunato per chi avesse deciso di stipulare.

Continua la lettura

CRIF: rilevante crescita delle richieste di mutuo e surroghe (+9,6% tendenziale) e dell’importo medio richiesto (+2,6%), nel I trimestre 2021

CRIF-andamento Mutui marzo 2021

Il primo trimestre del 2021 segna un’inversione di tendenza per le richieste di mutui e surroghe da parte delle famiglie italiane.
È quanto emerge dall’analisi delle richieste registrate sul Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF, che segnala un incremento complessivo del +9,6% rispetto al corrispondente periodo del 2020.

Dopo un inizio d’anno con il freno a mano tirato, in scia con l’andamento negativo dell’ultimo trimestre 2020, la performance positiva del trimestre è totalmente ascrivibile all’impetuosa crescita fatta registrare nel mese di marzo (+55,8%).
Condizionata, però, dal confronto con il corrispondente mese del 2020, che aveva visto la sostanziale paralisi dell’operatività a causa del lockdown totale varato dal Governo per contenere la prima ondata della pandemia di Coronavirus.

Nel I trimestre dell’anno, in termini assoluti, il numero di richieste complessivamente rilevate è il più elevato degli ultimi 9 anni.

Continua la lettura

BANCA D’ITALIA: indagine straordinaria sulle famiglie italiane

BANKITALIA INDAGINE STRAORDINARIA SULLE FAMIGLIE ITALIANE NEL 2020

Alla fine di novembre 2020 la Banca d’Italia ha condotto la terza edizione dell’Indagine Straordinaria (ISF), che ha coinvolto oltre 2.000 nuclei familiari (che avevano partecipato anche alla seconda edizione dell’indagine), per raccogliere informazioni riguardo agli effetti dell’epidemia di Covid-19 sulla situazione economica e sulle aspettative delle famiglie.

Durante la seconda ondata pandemica, le condizioni economiche attuali e prospettiche sono peggiorate rispetto all’estate, ma si sono tuttavia mantenute meno negative di quelle riportate nella prima ondata.
Un terzo delle famiglie ha riferito di aver subito una riduzione del reddito nel 2020 e, tra queste, solo un quinto ne prefigura una ripresa nel corso del 2021.

Continua la lettura

NOMISMA: diminuzione dei prezzi delle abitazioni nel 2020 tra lo 0,7% (città intermedie) ed il 2,0% (grandi città).

Andamento mercato immobiliare

Si è svolta oggi la presentazione del Primo Rapporto sul Mercato Immobiliare 2021 da parte di Nomisma, importante società italiana con sede a Bologna, che realizza da più di 35 anni ricerche di mercato e consulenze.

Uno dei dati più significativi che sono emersi oggi, è stato il constatare una flessione del mercato immobiliare inferiore alle aspettative:

“Il calo fatto segnare sul versante delle compravendite residenziali (-7,7%) rappresenta un esito migliore anche delle attese più ottimistiche, a cui ha concorso il dinamismo registrato fuori dai maggiori centri urbani”.

Continua la lettura